DRAGONCELLO

DESCRIZIONE:
DRAGONCELLO IN VASETTO RICARICABILE 5 g

DISPONIBILE IN VASSOIO DA 6 VASI

Caratteristiche del dragoncello

Il dragoncello è una spezia molto usata in cucina; se ne fa un largo utilizzo soprattutto in Francia, ma con il tempo si è molto diffusa anche in Italia. La spezia si ottiene dalle foglie essiccate dell’Artemisia dracunculus, una pianta erbacea perenne. Se i fiori e le foglie fresche si usano anche per fare tisane e decotti, l’estratto di dragoncello è ottimo in cucina poiché ha un sapore che ricorda un po’ il sale e un po’ il pepe. Si tratta dunque di un ottimo insaporitore specie per chi, per problemi di salute, non deve eccedere con i condimenti.

Il dragoncello in cucina

Dal sapore pungente, a metà tra sale e pepe, il dragoncello si sposa bene a diversi tipi di piatti. Ad esempio, si può usare per dare gusto sia a ricette a base di carne che a base di pesce. Inoltre è ottimo mescolato alle uova in una frittata, o per condire le verdure da far saltare in padella. Il dragoncello viene impiegato per realizzare le panature per la frittura e per insaporire il burro o l’aceto. Una delle ricette più tipiche di cui costituisce l’ingrediente principale è la salsa bernese, ma trova impiego anche nella realizzazione della salsa tartara.
Ottimo con il petto di pollo ai ferri o tagliato a cubetti. E’ perfetto come condimento dell’ultimo minuto per i pesci bolliti e al forno. Con l’insalata di finocchi, condita con succo di pompelmo e dragoncello e guarnita con pinoli tostati. Con i ceci
lessati in insalata e in molti altri piatti ancora…

Benefici del dragoncello

La pianta del dragoncello ha molti effetti positivi sull’organismo, tanto che un tempo era usato proprio per scopi medici. Favorisce la digestione e aiuta a diminuire i gonfiori intestinali; il suo sapore molto forte aiuta l’ingestione di medicinali dal gusto amaro, perché anestetizza il palato. Il suo uso stimola la diuresi, ed è infine una spezia usata per curare le persone inappetenti.
E’ un fantastico sostituto del sale per chi deve tenere a bada la pressione alta.

Profilo nutrizionale

Il dragoncello, come tutte le spezie, ha un modesto apporto di calorie: infatti ne contiene 295 per 100 grammi di prodotto. Inoltre, contiene (sempre su un quantitativo di 100 grammi) 22,77 grammi di proteine, 50,22 grammi di carboidrati, 7,24 grammi di grassi, 7,4 grammi di fibra e 62 mg di sodio. Non contiene affatto colesterolo, quindi può essere usato anche da chi ha i valori del colesterolo troppo elevati.

Storia e geografia del dragoncello

Le leggende che raccontano l’origine del curioso nome del dragoncello sono numerose. In una si racconta che una giovane si innamorò di un soldato napoleonico, un dragone a cavallo, e che dai semi che egli aveva sotto le suole degli stivali, e che lei coltivò, nacque questa pianta. In un’altra si dice che anticamente il dragoncello serviva a curare il morso dei serpenti, che somigliavano a draghi. L’ipotesi più accreditata è che la denominazione derivi dalla forma delle radici, molto intricate e contorte. Quel che è certo è che l’Artemisia dracunculus è originaria della Siberia e delle zone meridionali della Russia. In Italia viene coltivata; in Europa giunse in epoca Medievale, ma iniziò ad essere usata in cucina solo a partire dal Cinquecento. In Italia la regione nella quale viene maggiormente usata è la Toscana, in abbinamento con l’olio di oliva.

EAN 13: 8001092032209
CONFEZIONE: BARATTOLO
PEZZI O KG PER CONFEZIONE: 6

Droghe Palma Commerciale Srl - P.Iva 04381600263 - REA - Capitale Sociale - PRIVACY